LA CHIEDONO CON UNA MOZIONE I GRUPPI CONSILIARI DELLA MAGGIORANZA

Commissione su vicende Asiu, Tap e RIMateria

· Inserito in News dal territorio

PIOMBINO 25 luglio 2019 — Una mozione del­la mag­gio­ran­za per chiedere una com­mis­sione di stu­dio su Asiu, Tap e RIMa­te­ria. Una com­mis­sione con­sil­iare di stu­dio sul­la situ­azione pre­gres­sa di Asiu, Tap e RIMa­te­ria e sulle vicende legate alla ges­tione dei rifiu­ti nell’ambito ter­ri­to­ri­ale del Comune di Piom­bi­no e del­la Val di Cor­nia.
La pro­pon­gono tut­ti i grup­pi di mag­gio­ran­za con­sil­iare che sosten­gono il sin­da­co Francesco Fer­rari (Forza italia Udc, Ascol­ta Piom­bi­no, Lega Salvi­ni pre­mier, lista Fer­rari sin­da­co, Lavoro Ambi­ente) con una mozione che sarà  all’ordine del giorno nel prossi­mo con­siglio comu­nale del 31 luglio. Nel­la mozione si impeg­na il sin­da­co e la giun­ta a pre­dis­porre tut­ti gli stru­men­ti, le com­pe­ten­ze disponi­bili e la doc­u­men­tazione per il con­segui­men­to di ques­ta com­mis­sione di stu­dio.
Un impeg­no pre­so dal sin­da­co in cam­pagna elet­torale; tale com­mis­sione sarà lo stru­men­to per fare chiarez­za sulle cause che han­no provo­ca­to il pesante indeb­ita­men­to Asiu, Tap, RIMa­te­ria e le con­seguen­ze che han­no gen­er­a­to le per­sis­ten­ti male­odor­anze prove­ni­en­ti dal­la dis­car­i­ca.
Le forze politiche han­no opta­to per una com­mis­sione di stu­dio e non d’inchiesta per­ché in quest’ultimo caso, come da rego­la­men­to, la pres­i­den­za sarebbe sta­ta asseg­na­ta alla mag­giore forza di oppo­sizione e cioè al PD, una forza polit­i­ca che ha gesti­to la ques­tione nel­la prece­dente leg­is­latu­ra. Questo avrebbe cre­ato una chiara situ­azione di con­flit­to, tra con­trol­lore e con­trol­la­to.
Ci sem­bra­va tut­tavia cor­ret­to affi­dare la pres­i­den­za del­la com­mis­sione di stu­dio alle forze che era­no all’opposizione nel­la prece­dente leg­is­latu­ra e che lo sono anco­ra oggi e cioè a Movi­men­to 5 Stelle e Rifon­dazione Comu­nista.

Di segui­to il testo del­la mozione:
Al sig. Sin­da­co Francesco Fer­rari
agli Asses­sori
al Pres­i­dente del Con­siglio comu­nale Mas­si­mo Gian­nelli­ni
ai Con­siglieri comu­nali

Pre­mes­so che:

  • durante la pas­sa­ta con­sigliatu­ra alcune forze politiche si sono espresse in modo chiaro ed inequiv­o­ca­bile a favore del­la cos­ti­tuzione di una com­mis­sione con­sil­iare che facesse chiarez­za inda­gan­do sul­la situ­azione pre­gres­sa di ASIU, TAP, RIMa­te­ria, nonché sulle vicende cor­re­late alla ges­tione dei rifiu­ti nell’ambito ter­ri­to­ri­ale del Comune di Piom­bi­no e del­la Val di Cor­nia;
  • la cos­ti­tuzione di una com­mis­sione con­sil­iare che facesse chiarez­za sul­la situ­azione pre­gres­sa di ASIU, TAP, RiMa­te­ria è sta­to un pre­ciso impeg­no in cam­pagna elet­torale delle forze politiche e civiche che cos­ti­tu­is­cono la nuo­va mag­gio­ran­za al gov­er­no di Piom­bi­no;
  • i cit­ta­di­ni han­no il dirit­to di essere infor­mati e conoscere le cause che han­no provo­ca­to il pesante indeb­ita­men­to di ASIU, TAP, RIMa­te­ria, nonché le derivate con­seguen­ze che han­no gen­er­a­to le per­sis­ten­ti pesan­ti male­odor­anze prove­ni­en­ti dal­la dis­car­i­ca di RIMa­te­ria.

Ritenu­to che:

  • lo stru­men­to migliore per pot­er con­seguire tale obi­et­ti­vo sia una “com­mis­sione di stu­dio” con­sil­iare con rifer­i­men­to all’articolo 22 del rego­la­men­to del Con­siglio comu­nale, che così recita:
    “Com­mis­sioni di stu­dio”
    1. Il Con­siglio comu­nale può cos­ti­tuire com­mis­sioni tem­po­ra­nee con l’incarico di stu­di­are piani e pro­gram­mi di par­ti­co­lare ril­e­van­za per la comu­nità locale, com­pre­si fra le com­pe­ten­ze allo stes­so attribuite delle leg­gi e dal­lo statu­to. Le com­mis­sioni di stu­dio sono com­poste da un rap­p­re­sen­tante di cias­cun grup­po con­sil­iare, da dipen­den­ti comu­nali o esper­ti esterni di com­pro­va­ta com­pe­ten­za nelle materie da trattare, nom­i­nati dal Con­siglio comu­nale nel­la delib­er­azione rel­a­ti­va alla cos­ti­tuzione del­la com­mis­sione medes­i­ma. Il Con­siglio sta­bilisce il ter­mine entro il quale la com­mis­sione deve con­clud­ere i lavori.
    2. Il Pres­i­dente del­lo com­mis­sione, elet­to al pro­prio inter­no, riferisce peri­odica­mente al Con­siglio sull’avanzamento dei lavori e sot­to­pone allo stes­so, con­clu­sione dell’incarico, la relazione e gli atti che cos­ti­tu­is­cono lo stu­dio effet­tua­to.

Pre­so atto che:

  • la com­mis­sione di stu­dio per sua natu­ra non ha un ruo­lo esclu­si­va­mente inves­tiga­ti­vo e d’indagine, ma entra nel mer­i­to delle ques­tioni anal­iz­zan­do piani e pro­gram­mi di par­ti­co­lare ril­e­van­za per la comu­nità locale avval­en­dosi di tec­ni­ci esper­ti e com­pe­ten­ti, sia interni che esterni all’amministrazione.

Il Con­siglio comu­nale si impeg­na a delib­er­are

  • la cos­ti­tuzione del­la com­mis­sione con­sil­iare di stu­dio sul­la situ­azione pre­gres­sa di ASIU, TAP, RiMa­te­ria, nonché sulle vicende cor­re­late alla ges­tione dei rifiu­ti nell’ambito ter­ri­to­ri­ale del Comune di Piom­bi­no e del­la Val di Cor­nia, entro 45 giorni dal­la data di approvazione del­la mozione;
  • la com­po­sizione del­la com­mis­sione con la nom­i­na di un con­sigliere in rap­p­re­sen­tan­za di cias­cun grup­po con­sil­iare e di tec­ni­ci esper­ti di com­pro­va­ta com­pe­ten­za sulle ques­tioni da trattare, sia interni che esterni all’amministrazione;
  • l’elezione al pro­prio inter­no del Pres­i­dente, che peri­odica­mente dovrà riferire al Con­siglio comu­nale in mer­i­to all’avanzamento dei lavori;
  • il ter­mine entro il quale la com­mis­sione dovrà con­clud­ere i lavori e pre­sentare al Con­siglio comu­nale la relazione finale;

impeg­na il Sin­da­co e la Giun­ta

  • a pre­dis­porre tut­ti gli stru­men­ti, le com­pe­ten­ze disponi­bili e la doc­u­men­tazione atta al con­segui­men­to dell’obiettivo finale del­la com­mis­sione di stu­dio.

Lui­gi Cop­po­la (Forza Italia Udc Civi­ci Popo­lari Lib­er­ali)
Mar­co Viti (Fer­rari Sin­da­co)
Vit­to­rio Cec­ca­rel­li (Lega Salvi­ni pre­mier)
Mario Atzeni (Lavoro & Ambi­ente)
Mon­i­ca Bar­toli­ni (Ascol­ta Piom­bi­no) 

Commenta il post