Dibattito sulle bonifiche non fatte e su quelle da fare

· Inserito in Da non perdere

PIOMBINO 17 luglio 2017 — Ven­erdì 21 luglio alle ore 21 in piaz­za Cap­pel­let­ti, il Lab­o­ra­to­rio delle Idee per la Val di Cor­nia ter­rà un dibat­ti­to pub­bli­co sul­lo sta­to delle boni­fiche ambi­en­tali di Piom­bi­no. Il Lab­o­ra­to­rio è sta­to pro­mosso da cit­ta­di­ni e asso­ci­azioni dell’intera Val di Cor­nia con l’ uni­co obi­et­ti­vo di appro­fondire i molti temi che carat­ter­iz­zano la crisi in cui ci tro­vi­amo e di con­tribuire a delin­eare visioni e strate­gie per la loro soluzione. È uno stru­men­to aper­to, sen­za scopi politi­ci o elet­torali e cias­cuno può aderirvi lib­era­mente appor­tan­do conoscen­ze e idee.
Tra i temi da anni dibat­tuti c’è quel­lo delle boni­fiche dei 930 ettari del SIN di Piom­bi­no, stret­ta­mente con­nes­so alle prospet­tive del rilan­cio indus­tri­ale, del poten­zi­a­men­to del por­to di Piom­bi­no e più in gen­erale del­la ricon­ver­sione dell’economia locale. Con l’istituzione del SIN, avvenu­ta nel 2000, si dove­va dare vita ad un pro­gram­ma di risana­men­to per miglio­rare le con­dizioni ambi­en­tali e creare nuove oppor­tu­nità di uti­liz­zo di questo immen­so ter­ri­to­rio. Nei 17 anni suc­ces­sivi, nonos­tante gli infini­ti accor­di di pro­gram­ma sot­to­scrit­ti, nes­sun prog­et­to di bonifi­ca ha pre­so avvio, nep­pure lad­dove esiste­vano reali risorse finanziarie, come nel caso delle boni­fiche di Cit­tà Futu­ra e del­la dis­car­i­ca di Pog­gio ai Ven­ti.
La crisi del­la Luc­chi­ni e gli sce­nari di ricon­ver­sione prospet­tati con il piano indus­tri­ale Afer­pi han­no reso anco­ra più evi­dente la crit­ic­ità rap­p­re­sen­ta­ta da una bonifi­ca non fat­ta. Nes­sun serio pro­gram­ma di ricon­ver­sione potrà infat­ti trovare attuazione sen­za aver risolto pre­lim­i­n­ar­mente questo nodo ine­ludi­bile. Ci sono dunque molti e urgen­ti motivi di rif­les­sione, sia sui fal­li­men­ti del pas­sato, sia su come dare soluzione ad un prob­le­ma ambi­en­tale di enorme ril­e­van­za per Piom­bi­no, per la Val di Cor­nia e per l’intera Toscana.
Quel­lo delle boni­fiche, in quan­to pre­lim­inare a tut­ti gli altri, è il pri­mo dei temi che il Lab­o­ra­to­rio ha deciso di affrontare. Con l’aiuto dei cit­ta­di­ni e delle asso­ci­azioni che vor­ran­no parte­ci­parvi, si pro­pone di fare altret­tan­to sulle infra­strut­ture (SS398, fer­rovia e por­to), sul­la cred­i­bil­ità degli sce­nari sino ad oggi prospet­tati con i piani di ricon­ver­sione indus­tri­ale, sulle molte risorse di cui dispon­gono Piom­bi­no e la Val di Cor­nia per uscire dal­la crisi e su come i Comu­ni stan­no affrontan­do la piani­fi­cazione ter­ri­to­ri­ale.
Il Lab­o­ra­to­rio ha prodot­to una ricer­ca doc­u­men­ta­ta sul­lo sta­to delle boni­fiche ed ha cer­ca­to di appro­fondire alcu­ni aspet­ti sui quali è oppor­tuno ora un con­fron­to pub­bli­co e traspar­ente. Per questo all’iniziativa di ven­erdì 21 luglio sono invi­tati a parte­ci­pare i sin­daci, le forze politiche, le orga­niz­zazioni sin­da­cali e di cat­e­go­ria, le asso­ci­azioni di qual­si­asi genere e i cit­ta­di­ni di tut­ta la Val di Cor­nia.

Lab­o­ra­to­rio delle Idee per la Val di Cor­nia

Commenta il post