Le scuole che preparano meglio per l’università

· Inserito in Da non perdere

PIOMBINO 13 novem­bre 2017 — È onli­ne la nuo­va edi­zio­ne 2017/18 di Eduscopio (https://eduscopio.it), il por­ta­le del­la Fondazione Agnelli che per­met­te di com­pa­ra­re le scuo­le secon­da­rie di secon­do gra­do per come pre­pa­ra­no agli stu­di uni­ver­si­ta­ri o al lavo­ro dopo il diplo­ma. Si trat­ta del­la IV edi­zio­ne del por­ta­le che offre gra­tui­ta­men­te agli stu­den­ti e alle loro fami­glie infor­ma­zio­ni ogget­ti­ve e com­pa­ra­bi­li sul­la qua­li­tà dei per­cor­si di istru­zio­ne secon­da­ria di secon­do gra­do di tut­ta Italia: una risor­sa pre­zio­sa nel momen­to del­la scel­ta del­la scuo­la supe­rio­re da fre­quen­ta­re dopo le medie.

Quanto le scuo­le pre­pa­ra­no all’ uni­ver­si­tà
Per valu­ta­re come le scuo­le supe­rio­ri pre­pa­ra­no all’ uni­ver­si­tà Eduscopio ha attua­to un’ idea mol­to sem­pli­ce: vede­re cosa è suc­ces­so a chi si è diplo­ma­to in quel­la scuo­la e poi si è iscrit­to all’ uni­ver­si­tà, dato che chi ha avu­to una buo­na istru­zio­ne sco­la­sti­ca e un buon orien­ta­men­to è più pro­ba­bi­le che otten­ga buo­ni risul­ta­ti uni­ver­si­ta­ri.
Nato nel 2014 e com­ple­ta­men­te gra­tui­to, per la nuo­va edi­zio­ne di Eduscopio sono sta­ti ana­liz­za­ti i dati dei diplo­ma­ti in tre suc­ces­si­vi anni sco­la­sti­ci (a.s. 2011/12, 2012/13 e 2013/14).
Per com­pa­ra­re la capa­ci­tà del­le scuo­le di pre­pa­ra­re per gli stu­di uni­ver­si­ta­ri sono sta­ti pre­si in con­si­de­ra­zio­ne due indi­ca­to­ri:

  1. media dei voti con­se­gui­ti agli esa­mi uni­ver­si­ta­ri, pon­de­ra­ta per i cre­di­ti for­ma­ti­vi di cia­scun esa­me per tene­re con­to dei diver­si cari­chi di lavo­ro ad essi asso­cia­ti;
  2. cre­di­ti for­ma­ti­vi uni­ver­si­ta­ri otte­nu­ti, in per­cen­tua­le sul tota­le pre­vi­sto.

L’ indi­ca­to­re sin­te­ti­co che tie­ne con­to al con­tem­po del­la media e del­la per­cen­tua­le di cre­di­ti con­se­gui­ti è l’Indice FGA che ripor­ta i due indi­ca­to­ri sul­la stes­sa sca­la (da 0 a 100) e dà loro lo stes­so peso (50%/50%).

Comparando ( leg­gi le tabel­le sot­to­stan­ti) i risul­ta­ti del­le scuo­le secon­da­rie di secon­do gra­do di vari indi­riz­zi più vici­ne alla Val di Cornia  con quel­li degli anni sco­la­sti­ci pre­ce­den­ti 2010/11, 2011/12 e 2012/13 sco­pria­mo che la Val di Cornia ha per­so l’indirizzo clas­si­co, che ha miglio­ra­to di un livel­lo la sua posi­zio­ne tra le scuo­le di indi­riz­zo scien­ti­fi­co e che ha peg­gio­ra­to di un livel­lo quel­la tra le scuo­le di indi­riz­zo tec­ni­co – set­to­re eco­no­mi­co – e tra quel­le di indi­riz­zo tec­ni­co – set­to­re tec­no­lo­gi­co.

Le scuo­le in testa alle gra­dua­to­rie si tro­va­no rispet­ti­va­men­te

per l’indirizzo clas­si­co a Grosseto (Istituto d’Istruzione Superiore Statale Pietro Aldi)

per l’indirizzo scien­ti­fi­co a Grosseto (Istituto d´Istruzione Superiore Statale Pietro Aldi)

per l’indirizzo scien­ze uma­ne a Volterra (Istituto d´Istruzione Superiore Statale Giosué Carducci)

per l’indirizzo lin­gui­sti­co a Follonica (Istituto d’Istruzione Superiore Statale Follonica)

per l’indirizzo arti­sti­co a Lucca (Liceo Artistico, Musicale e Coreutico Felice Casorati)

per l’indirizzo tec­ni­co – set­to­re eco­no­mi­co a Cecina (Istituto d´Istruzione Superiore Statale Marco Polo e Carlo Cattaneo)

per l’indirizzo tec­ni­co – set­to­re tec­no­lo­gi­co a Massa Marittima (Istituto d´Istruzione Superiore Statale Bernardino Lotti)

Eduscopio  for­ni­sce anche, per ogni scuo­la, dati più det­ta­glia­ti riguar­dan­ti

  • il voto medio alla matu­ri­tà degli imma­tri­co­la­ti,
  • il voro medio alla matu­ri­tà dei non imma­tri­co­la­ti,
  • il nume­ro medio dei diplo­ma­ti per anno,
  • i tas­si d’iscrizione e d’abbandono dell’ uni­ver­si­tà com­pa­ra­ti con la media del­le scuo­le del­lo stes­so indi­riz­zo nel­la regio­ne,
  • le aree disci­pli­na­ri e le uni­ver­si­tà più get­to­na­te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta il post