Autorità portuale: presidente o commissario?

Ciò che sta succe­den­do rel­a­ti­va­mente alla nom­i­na del nuo­vo Pres­i­dente del­la Autorità por­tuale di Piom­bi­no è scon­cer­tante sopratut­to sul piano politi­co ed isti­tuzionale.
Il 9 giug­no è scadu­to il manda­to del vec­chio Pres­i­dente, Luciano Guer­ri­eri. Tre mesi pri­ma del­la sca­den­za il Comune di Piom­bi­no, la Provin­cia di Livorno e la Cam­era di Com­mer­cio di Livorno avreb­bero dovu­to inviare al Min­is­tero delle Infra­strut­ture e dei trasporti una ter­na di esper­ti, all’interno dei quali il Min­istro, d’intesa con la Regione e sen­ti­to il Par­la­men­to, avrebbe potu­to nom­inare il nuo­vo Pres­i­dente che deve essere una per­son­al­ità di mas­si­ma e com­pro­va­ta qual­i­fi­cazione pro­fes­sion­ale nei set­tori dell’economia dei trasporti e por­tuale.

Leg­gi il resto »

A lezione d’italiano e Costituzione con il computer

È pos­si­bile assi­cu­rare agli stranieri la conoscen­za dell’italiano, dei dirit­ti e doveri fon­da­men­tali, delle risorse ter­ri­to­rio e delle norme riguardan­ti la sicurez­za sui luoghi di lavoro? E in quale modo è pos­si­bile assi­cu­rare queste com­pe­ten­ze a numeri gran­di di uten­ti? Questi sono sta­ti gli inter­rog­a­tivi ai quali ha cer­ca­to di rispon­dere il Prog­et­to stranieri real­iz­za­to dal­la Regione Toscana con il suo sis­tema di web learn­ing TRIO dal 2003 al 2006 che ha inter­es­sato oltre 1200 stranieri (maroc­chi­ni, albane­si rumeni, cine­si e altri).

Leg­gi il resto »

Promossi in integrazione, rimandati per il lavoro

· Inserito in Editoriale· Nessun commento »
Paolo Benesperi

Sì, si potrebbe dire: «Se questo accade in Val di Cor­nia». Sic­come la Val di Cor­nia è ter­ri­to­rio alle prese ormai da anni con una crisi eco­nom­i­ca gravis­si­ma appare dif­fi­cile com­pren­dere la cresci­ta pro­gres­si­va del­la pre­sen­za degli stranieri, comu­ni­tari o extra­co­mu­ni­tari che siano, eppure ciò è avvenu­to fino a un liv­el­lo sim­i­le alla media provin­ciale e nazionale. In realtà non è poi così dif­fi­cile com­pren­dere questo fenom­e­no per­ché bas­ta pen­sare che la gran parte è cos­ti­tui­ta da badan­ti che pren­dono cura degli anziani non auto­suf­fi­ci­en­ti sem­pre più numerosi e che un’altra parte va a lavo­rare dove, anche per man­can­za di gio­vani locali e per rifi­u­to di lavori man­u­ali e pesan­ti, la man­od­opera locale non è pre­sente.

Leg­gi il resto »

Bilancio 2013: né i numeri né le pezze di appoggio

Sì, i numeri occor­rono e così pure le pezze di appog­gio per capire e gius­ti­fi­care i numeri. Questo ha scrit­to il Col­le­gio dei revi­sori dei con­ti del Comune di Piom­bi­no (vedi alle­ga­to clic­can­do qui) esam­i­nan­do la pro­pos­ta di bilan­cio di pre­vi­sione 2013 del Comune ed arrivan­do alla con­clu­sione «di non pot­er esprimere un parere cir­ca il rag­giung­i­men­to ed il man­ten­i­men­to degli equi­lib­ri di bilan­cio e sul­la con­gruità, sul­la coeren­za, sull’ attendibil­ità con­tabile».

Leg­gi il resto »

In Val di Cornia chi raccoglierà i rifiuti urbani?

La Regione Toscana ha approva­to l’inclusione dei Comu­ni di Piom­bi­no, Campiglia, San Vin­cen­zo, Suvere­to, Sas­set­ta e Castag­ne­to nell’ ATO Toscana Sud per i rifiu­ti dove stan­no i Comu­ni delle province di Gros­se­to, Arez­zo e Siena. Che cosa suc­ced­erà per la ges­tione del servizio di rac­col­ta e smal­ti­men­to dei rifiu­ti soli­di urbani? Dif­fi­cile capir­lo anche per­ché le isti­tuzioni inter­es­sate e la stes­sa ASIU che attual­mente gestisce il servizio sono poco chiare.

Leg­gi il resto »