Miniere protette

Con una delib­era del 2 luglio 2012 la Regione Toscana ha espres­so parere favorev­ole sul prog­et­to di riat­ti­vazione delle miniere di “Botro ai Mar­mi” e “Mon­tor­si, pro­pos­to da Min­er­ali Indus­tri­ali S.p.a e Sales S.p.a., in aree dove il piano strut­turale approva­to dal Comune e del­la stes­sa Regione prevede aree nat­u­rali pro­tette. Sec­on­do quel piano le […]

Leg­gi il resto »
La VAL DI CORNIA (32,6%) IN LINEA CON L'ASTENSIONISMO NAZIONALE

In pochi rispondono alla chiamata referendaria

PIOMBINO 18 aprile 2016 — In Val di Cor­nia solo il 32,6 per cen­to degli iscrit­ti nel­la liste elet­torali si è reca­to ai seg­gi per pro­nun­cia­r­si sul ref­er­en­dum rel­a­ti­vo alle con­ces­sioni sulle estrazioni di idro­car­buri in mare. Un dato per­fet­ta­mente in lin­ea con la media nazionale. Mai nel com­pren­so­rio si era reg­is­tra­ta una per­centuale così bas­sa nell’affluenza alle urne. È evi­dente che, all’astensionismo tradizionale, ques­ta vol­ta si è aggiun­to quel­lo indi­ca­to dai ver­ti­ci nazion­ali del Pd.

Leg­gi il resto »
ANCHE PER SAT NON CI SONO Più le condizioni per realizzare l'opera

Autostrada tirrenica, siamo al “De profundis”

Fiorenzo Bucci

Dal prog­et­to per un’infrastruttura con­sid­er­a­ta pri­or­i­taria dal gov­er­no e dal­la regione solo cinque-sei anni fa, al prog­et­ti­no molto ridi­men­sion­a­to che non si sa per ora quale sia. L’autostrada tir­reni­ca vive un coma ormai più neanche vig­ile l’epilogo del quale è molto più prob­a­bile che sia un funerale che non il mira­co­lo di una ripresa impreved­i­bile e da molti neanche aus­pi­ca­ta.
E forse ha davvero ragione il già asses­sore del­la provin­cia di Gros­se­to e quin­di allo­ra socio di Sat, Mar­co Saba­ti­ni.

Leg­gi il resto »

Perché è nato “Stile libero”

· Inserito in Editoriale· Nessun commento »
Redazione

E’ pre­sente nel­la Val di Cor­nia un prob­le­ma di relazioni tra isti­tuzioni, par­ti­ti, soci­età civile e sin­goli cit­ta­di­ni. Anziché un rap­por­to flu­i­do, capace di esaltare autonomie e sus­citare energie, prevale spes­so un rap­por­to di sub­or­di­nazione che rende dif­fi­cile ani­mare il dibat­ti­to politi­co e la parte­ci­pazione alla cosa pub­bli­ca. E se i cit­ta­di­ni non sono cit­ta­di­ni ma sud­di­ti c’é pro­prio da pre­oc­cu­par­si.

Leg­gi il resto »
NUOVA OFFERTA CON UN INVESTIMENTO ANNUNCIATO DI 300 MILIONI

Lucchini, si fa avanti il gruppo algerino Cevital

PIOMBINO 12 otto­bre 2014 — Il grup­po algeri­no Cevi­tal, il mag­giore del paese nordafricano, ha annun­ci­a­to l’intenzione di acquistare lo sta­bil­i­men­to piom­bi­nese del­la Luc­chi­ni e di puntare al suo rilan­cio attra­ver­so inves­ti­men­ti per 300 mil­ioni di euro. Cevi­tal inten­derebbe costru­ire nel com­pren­so­rio anche una piattafor­ma logis­ti­ca per la pro­duzione agro-indus­tri­ale.
La notizia è sta­ta ripresa da diver­si impor­tan­ti organi di infor­mazioni nei quali si riferiscono le dichiarazioni vir­go­let­tate del

Leg­gi il resto »