A San Vincenzo chiusa la spiaggia d’estate

· Inserito in Lettere
pervenuta in redazione

SAN VINCENZO 13 giug­no 2018 — Il Comune di San Vin­cen­zo chi­ud­erà la spi­ag­gia d’estate. Se non fos­se un dan­no eco­nom­i­co e d’immagine spaven­toso, sarebbe una barzel­let­ta. Abbi­amo spes­so rim­prover­a­to all’amministrazione l’assenza di qual­si­asi log­i­ca o strate­gia nelle politiche del tur­is­mo essendosi dimostra­ta inca­pace di pro­muo­vere desta­gion­al­iz­zazione e diver­si­fi­cazione ed aven­do ripro­pos­to mod­el­li e meto­di anacro­nis­ti­ci. Abbi­amo già avu­to modo di con­statare quan­to poco inter­es­si la con­ser­vazione di una risor­sa fon­da­men­tale come la spi­ag­gia e di come non si ries­cano a risol­vere prob­le­mi stori­ci che cau­sano un grave dan­no eco­nom­i­co e d’immagine al paese a par­tire dagli scarichi a mare.
Oggi però assis­ti­amo ad un salto di qual­ità: un’amministrazione che impedisce fruizione dell’arenile e bal­neazione nel bel mez­zo del­la sta­gione esti­va sen­za che si riscon­tri­no ogget­tivi motivi d’urgenza, non si era mai vista. In ver­ità gli esca­v­a­tori che drib­blano gli ombrel­loni ave­vano già provo­ca­to giuste reazioni di sdeg­no. Impos­si­bile che la spi­ag­gia in estate sia un cantiere aper­to. Bene, pare che l’amministrazione preferisca garan­tire l’uso del­la spi­ag­gia ai mezzi pesan­ti piut­tosto che ai tur­isti. Nell’esprimere tut­ta la nos­tra sol­i­da­ri­età agli oper­a­tori tur­is­ti­ci col­pi­ti, chiedi­amo con forza il ritiro dell’ordinanza che non ha nes­suna moti­vazione d’urgenza ne’ tan­tomeno appare corre­da­ta da stu­di cir­ca l’effettivo avan­za­men­to del fenom­e­no ero­si­vo che, al con­trario, molti oper­a­tori coin­volti non ril­e­vano nel trat­to in ques­tione.
La spi­ag­gia a San Vin­cen­zo viene con­sid­er­a­ta un cantiere perenne, per una local­ità tur­is­ti­ca si trat­ta di un atteggia­men­to sui­ci­da.

Grup­po Con­sil­iare Assem­blea San Vin­cen­z­i­na

Commenta il post