Un venturinese alla Dakar 2019 in Perù

· Inserito in Lettere
pervenuta in redazione

CAMPIGIA MARITTIMA 27 dicem­bre 2018 — Per Campiglia Marit­ti­ma e la Val di Cor­nia un’opportunità uni­ca di vis­i­bil­ità gra­zie alla parte­ci­pazione di un equipag­gio tut­to toscano alla Dakar 2019: for­ma­to da Fabio Del Pun­ta e dal ven­turi­nese d’adozione Ste­fano Sini­bal­di che tra pochi giorni saran­no impeg­nati nel­la gara più dura del Motor­sport inter­nazionale.
Del Pun­ta e Sini­bal­di sono pron­ti alla grande avven­tu­ra e saran­no tra i pochi ital­iani parte­ci­pan­ti alla gara, il loro team anche per questo ha ottenu­to il patrocinio del Comune di Campiglia Marit­ti­ma del quale saran­no i porta­bandiera oltre­o­ceano, di fronte ad un pub­bli­co di mil­ioni di per­sone col­le­gate con ogni mez­zo e a una platea di 1.900 gior­nal­isti spe­cial­iz­za­ti, per un totale di 1.200 ore di dif­fu­sione in oltre 70 canali solo in tv. Il sito web del­la man­i­fes­tazioni ha rag­giun­to oltre 11 mil­ioni e 4000 mila vis­ite e reg­is­tra quo­tid­i­ana­mente un’interazione di 2,8 mil­ioni di uten­ti.

Ste­fano Sini­bal­di

Sod­dis­fazione quin­di da parte dell’assessora allo sport Alber­ta Tic­ciati e del­la Giun­ta per il concit­tadi­no che porterà il nome di Campiglia Marit­ti­ma nel mon­do e per l’aspettativa di un’eccezionale ritorno in ter­mi­ni di vis­i­bil­ità per il Comune di prove­nien­za del pilota/navigatore Sini­bal­di. “Di soli­to il patrocinio a sin­gole per­sone non è con­ces­so, ma val­u­ta­ta la par­ti­co­lar­ità e l’importanza del­la gara, con­sideran­do anche la vis­i­bil­ità a liv­el­lo inter­nazionale che ques­ta parte­ci­pazione avrà – affer­ma Tic­ciati – abbi­amo deciso come Giun­ta di con­ced­er­lo per­ché rite­ni­amo che pro­muo­vere il nos­tro ter­ri­to­rio attra­ver­so una com­pe­tizione sporti­va tra le più conosciute a liv­el­lo inter­nazionale abbia un val­ore aggiun­to notev­ole”. Lo stem­ma con il cane ram­pante in cam­po rosso del Comune di Campiglia Marit­ti­ma viag­gerà quin­di lun­go il per­cor­so di gara sull’auto di Sini­bal­di che dichiara: “Il nos­tro obbi­et­ti­vo – affer­ma Sini­bal­di — sarà quel­lo di portare al tra­guar­do i col­ori ital­iani e dare una sicu­ra vis­i­bil­ità al nos­tro Comune, dato che quest’anno parteciper­an­no pochissi­mi equipag­gi ital­iani, per cui l’attenzione dei media sarà con­cen­tra­ta su poche unità. Sia R-Team che io per­sonal­mente aggiorner­e­mo costan­te­mente i pro­fili social per una inter­azione diret­ta”.
Del Pun­ta-Sini­bal­di saran­no a bor­do di un mez­zo del­la nuo­va gen­er­azione, un Can-Am Mav­er­ick X3 del­la cat­e­go­ria Side by Side Open, nel­la mara­tona che quest’anno andrà total­mente in sce­na in Perù, con­sid­er­a­to insidio­sis­si­mo, con il 70% di sab­bia sui qua­si 3000 Km di spe­ciali su un totale di 5.500 chilometri totali. La vet­tura, con i col­ori del­la Peo­ple Design, sarà assis­ti­ta dal R-Team, squadra che van­ta il mag­gior numero di parte­ci­pazioni alla Dakar in Italia. R-Team ha ulti­ma­to la preparazione del Can-Am e porterà in gara anche il Ford Rap­tor di cat­e­go­ria T2 con l’equipaggio Schi­u­mari­ni-Suc­ci-Sal­va­tore e il camion T4 guida­to da Ricky Rick­ler. La pat­tuglia ital­iana quest’anno vede al via 2 equipag­gi tra le auto, 2 tra i Side by Side, 2 camion e 7 moto­ci­clisti.

Uffi­cio stam­pa Comune di Campiglia

Commenta il post