Un voto legato a questioni di principio e di partito

· Inserito in Lettere
pervenuta in redazione

PIOMBINO 31 otto­bre 2018 — Lunedì 29 otto­bre si è svolto il con­siglio comu­nale a Suvere­to, all’ordine del giorno una vari­azione di bilan­cio costru­i­ta nei giorni scor­si in segui­to allo sbloc­co di risorse da parte del gov­er­no rel­a­tive all’avanzo di ammin­is­trazione. Come è ormai noto il MEF, con cir­co­lare numero 25 del 3 otto­bre, riconosce infat­ti il pieno uti­liz­zo dell’avanzo, affer­man­do che le Cit­tà met­ro­pol­i­tane, le Province e i Comu­ni nel 2018 pos­sono uti­liz­zare il risul­ta­to di ammin­is­trazione, ai fini del­la deter­mi­nazione del sal­do di finan­za pub­bli­ca, così come rib­a­di­to in ulti­mo dal­la Corte Cos­ti­tuzionale.
Con una atten­ta ges­tione dei tem­pi e delle risorse una parte dell’avanzo di ammin­is­trazione ave­va­mo potu­to già uti­liz­zar­lo durante i mesi pas­sati, per­me­t­ten­do l’avvio di due gare impor­tante rel­a­tive alla real­iz­zazione di un parcheg­gio nei pres­si del cimitero e l’ampliamento del cimitero stes­so per un totale di oltre 200mila euro.
“Con il resid­uo sbloc­ca­to il 3 otto­bre – affer­ma il sin­da­co Giu­liano Par­o­di — abbi­amo mes­so in cantiere tre pic­coli lavori pub­bli­ci ma di notev­ole util­ità per la comu­nità”.
Il lavoro rel­a­ti­vo all’illuminazione di una tra­ver­sa di viale Car­duc­ci, inter­ven­to che i cit­ta­di­ni ivi res­i­den­ti ci han­no chiesto da tem­po per una ques­tione anche di sicurez­za essendo ad oggi scarsa­mente illu­mi­na­ta e in un trat­to l’illuminazione era appun­to assente, la sis­temazione con pavi­men­tazione anti­trau­ma (oltre 120metri quadri) del­lo spazio ret­rostante la scuo­la mater­na, per ren­der­lo fruibili e mag­gior­mente sicuro per le attiv­ità all’aperto dei bam­bi­ni ed infine l’ampliamento del­la videosorveg­lian­za con l’installazione di 3 video­camere al Par­co degli Ulivi, per tenere sot­to con­trol­lo la strut­tura pub­bli­ca inau­gu­ra­ta ques­ta estate e nei piaz­za­li delle scuole, per tenere sot­to con­trol­lo gli edi­fi­ci al fine di evitare atti van­dali­ci o fur­ti.
“A fronte di inves­ti­men­ti utili e richi­esti dai cit­ta­di­ni – con­clude il sin­da­co Giu­liano Par­o­di – mi aspet­ta­vo l’unanimità del voto sul­la vari­azione di bilan­cio che asseg­na­va tali risorse e per­me­t­terà entro la fine dell’anno di appaltare i lavori, ed invece con sor­pre­sa e ram­mari­co devo reg­is­trare il voto con­trario di Man­nari, Dell’ Agnel­lo, Tosi e Loli­ni, che boc­ciano le scelte, aggiun­gen­do che non le con­di­vi­dono”.
A questo pun­to è evi­dente che il voto è lega­to a ques­tioni di prin­ci­pio e di par­ti­to per­ché non voglio credere che il PD di Suvere­to non abbia a cuore le neces­sità reali dei pro­pri cit­ta­di­ni che, come in questo caso, non solo ven­gono recepite  ma trasfor­mate in atti con­creti, rispon­den­do ad esi­gen­ze reali, quel­lo che fa una buona ammin­is­trazione.

Uffi­cio stam­pa Comune di Suvere­to

Commenta il post