IL SEGRETARIO DEL PD UFFICIALIZZA I CANDIDATI PER LE REGIONALI

Presentato il terzetto: Anselmi, Maestrini, Ulivieri

regione
Fiorenzo Bucci

Ecco i tre nomi e questa volta sono ufficiali: Gianni Anselmi, Walter Ulivieri e Carla Maestrini. Sono loro che rappresenteranno la federazione Pd Piombino-Val di Cornia-Elba nel gruppo provinciale di otto candidati per le prossime elezioni toscane. Le altre cinque indicazioni sono state formulate da tempo dalla federazione pidiessina di Livorno. Per cui alla fine di giochi e contro giochi la lista risulta così composta per sorteggio dopo il capolista: 1 – Gianni Anselmi, 48 anni di Piombino,

Leggi il resto »
PREGI E DIFETTI DEL PIANO DI RICONVERSIONE E RIQUALIFICAZIONE

La Val di Cornia non è la Valle del Tennessee

DSC_0368 540

PIOMBINO 15 aprile 2015 – Nessuno si è mai immaginato che nella riconversione e riqualificazione della Val di Cornia potesse essere replicata l’esperienza rooseveltiana della Tennessee Valley Authority ma che il “Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale” (PRRI) dell’area di crisi industriale complessa di Piombino si riducesse solo agli interventi di rafforzamernto produttivo dell’area e al loro coordinamento con il potenziamento produttivo delle attività industriali portuali volte allo smantellamento, alle manutenzioni e refitting navale e con le politiche attive del lavoro e misure per il reimpiego anche in progetti di riconverisone, oltretutto senza specifiche risorse finanziarie, anche questo nessuno se lo sarebbe immaginato.

Leggi il resto »
PARTITO NEL 1996 È STATO PER LA VAL DI CORNIA UN'OCCASIONE PERDUTA

Patto territoriale, un fallimento finito nell’oblio

patto_territoriale

PIOMBINO 15 aprile 2015 – “In generale il Patto territoriale della Val di Cornia si presenta come uno strumento potenzialmente nuovo che è stato gestito attraverso risorse e strategie vecchie”. È la sintesi, forse la migliore possibile, di una più articolata riflessione che Annalisa Tonarelli ha condotto sul progetto concepito per far fronte alla crisi della siderurgia e per promuovere uno nuovo modello di sviluppo. Dalla prima intenzione di partecipare al Patto formalizzata alla Regione nel 1996 si è andati avanti in maniera sempre più stanca e meno partecipata.

Leggi il resto »
L'INCONTRO COL GOVERNO NON HA CHIARITO I PROGETTI DEGLI ALGERINI

Cevital, ancora in attesa del piano industriale

Acciaio

PIOMBINO 10 aprile 2015 – La riunione doveva essere di quelle in cui si decide qualcosa di concreto. L’attesa, più volte annunciata, richiamava la consegna da parte di Cevital del piano industriale per Piombino. A Roma l’incontro tra i vertici della società algerina, il governo, la ex Lucchini, la Regione, il Comune, l’Autorità portuale è stato, come ha scritto Matteo Meneghello sul Sole 24 ore, “un altro, piccolo, passo in avanti anche se la strada per arrivare ad un vero piano industriale è ancora lunga e …al di là della quantità, i contenuti restano ancora deludenti”.

Leggi il resto »
Se è intenzione di Cevital il Comune non può stare a guardare

Demolire altoforno e acciaieria non è un dettaglio

DSC_3866

PIOMBINO 10 aprile 2015 – Sembra che in quelle venti pagine presentate da Cevital, che al sindaco di Piombino Massimo Giiuliani sono sufficienti per dire che si tratta delle linee guida di un piano industriale logico e sostanzioso con linee di mercato, investimenti, tempi e produzione, sia previsto che dopo la firma del contratto di acquisto della Lucchini annunciata per gli ultimi giorni di maggio si darà il via allo smantellamento della vecchia area a caldo, in modo da poter partire con l’impianto agroalimentare entro l’anno successivo.

Leggi il resto »