120.000 euro per la festa grande d’inverno

· Inserito in Blocco note

PIOMBINO 21 novem­bre 2018 — Non è anco­ra chiaro cosa ver­rà fat­to ma intan­to una cosa è decisa: il Comune di Piom­bi­no spenderà per la real­iz­zazione di un pro­gram­ma di ani­mazione del­la cit­tà e dei ter­ri­tori urbani per­iferi­ci nel peri­o­do delle fes­tiv­ità natal­izie 2018/2019 (8 dicem­bre 2018–8 gen­naio 2019) 120.000 euro. Lo ha deciso la Giun­ta comu­nale con una delib­er­azione nel­la quale  il  pro­gram­ma viene divi­so in azioni pro­prie del Comune e  azioni del pool asso­ci­azion­is­ti­co cit­tadi­no, che riconosce l’Associazione Pro Loco Piom­bi­no come coor­di­na­tore capofi­la.
Le azioni pro­prie del Comune con­sis­ter­an­no in

  • istal­lazioni lumi­nose ani­mate a tema natal­izio sui palazzi e sul mon­u­men­to del­la piaz­za Ver­di (Stile libero Idee dal­la Val di Cor­nia ne ave­va par­la­to nell’articolo Natale con illu­mi­nazioni e proiezioni architet­tura, ndr);
  • spet­ta­co­lo piro­mu­si­cale del 31 dicem­bre 2018 in piaz­za G. Bovio.

Le azioni delle pool asso­ci­azion­is­ti­co cit­tadi­no, che riconosce l’Associazione Pro loco Piom­bi­no coor­di­na­tore capofi­la, con­sis­ter­an­no in :

  • definizione di uno speci­fi­co “cartel­lone” delle inizia­tive ed even­ti da approvar­si con suc­ces­si­vo e speci­fi­co atto;
  • coor­di­na­men­to e real­iz­zazione delle stesse inizia­tive;
  • ges­tione del­la lumi­nar­ia natal­izia per le vie del­la cit­tà;
  • appo­sizione degli addob­bi natal­izi, ed in par­ti­co­lare n. 2 alberi di Natale, rispet­ti­va­mente in piaz­za Gram­sci e piaz­za Alighieri;
  •  real­iz­zazione e ges­tione veg­lione di Capo­dan­no in piaz­za Ver­di;
  • col­lab­o­razione per la real­iz­zazione dei pre­sepi in cit­tà e nelle frazioni di Pop­u­lo­nia e Riotor­to.

Per le inizia­tive pro­prie il Comune spenderà 40.000 euro men­tre per le altre con­ced­erà un con­trib­u­to di 80.000 euro all’Associazione Pro Loco Piom­bi­no per il sosteg­no alle asso­ci­azioni ed orga­niz­zazioni real­iz­za­tri­ci di even­ti ed inizia­tive ricom­p­rese nel cal­en­dario delle fes­tiv­ità. Il cor­rispet­ti­vo all’Associazione Pro Loco Piom­bi­no per lo svol­gi­men­to delle pro­prie attiv­ità orga­niz­za­tive, non ricon­ducibili a quelle sostenute dal con­trib­u­to 40.000 euro, saran­no pari a  976 euro iva com­pre­sa ed esclu­si­va­mente lim­i­tate alla cop­er­tu­ra delle spese vive dell’associazione.
Il pool delle asso­ci­azioni pro­motri­ci, insieme alla Pro Loco Piom­bi­no, inter­ver­ran­no nel­la real­iz­zazione del pro­gram­ma con un pro­prio fon­do di  17.000 euro oltre le pro­prie attiv­ità pratiche e logis­tiche nec­es­sarie da eseguir­si volon­tari­a­mente e gra­tuita­mente. Il fon­do sarà gesti­to diret­ta­mente dal­la Pro Loco per la real­iz­zazione e ges­tione del­la lumi­nar­ia natal­izia.
Per le fes­tiv­ità natal­izie 2017/2018 l’intero pro­gram­ma (non furono real­iz­zate le istal­lazioni lumi­nose ani­mate a tema natal­izio sui palazzi e sul mon­u­men­to del­la piaz­za Ver­di) fu orga­niz­za­to dal­la Asso­ci­azione Pro­Lo­co Piom­bi­no a cui il Comune di Piom­bi­no con­cesse un con­trib­u­to di 74.104 euro.
Per le fes­tiv­ità natal­izie 2016/2017 per  l’intero pro­gram­ma il Comune con­cesse un con­trib­u­to alla Asso­ci­azione Pro Loco di 66.290 euro.
Era­no richia­ma­ta anche nelle delib­er­azioni degli anni pas­sati ma evi­den­te­mente il Comune di Piom­bi­no crede molto nelle moti­vazioni esplic­i­tate anche quest’anno, altri­men­ti non si capirebbe questo notev­ole incre­men­to del­la spe­sa:

  • la val­oriz­zazione del ter­ri­to­rio, dei suoi beni stori­ci, cul­tur­ali, nat­u­ral­is­ti­ci e del­la tradizione locale;
  • lo svilup­po eco­nom­i­co, anche per mez­zo del­la pro­mozione del tur­is­mo;
  • la parte­ci­pazione delle orga­niz­zazioni locali ed in par­ti­co­lare quelle dell’associazionismo cit­tadi­no teso ad esprimere adeguati liv­el­li di ani­mazione ter­ri­to­ri­ale;
  • la cresci­ta del set­tore tur­is­ti­co facen­dosi, nel susseguir­si dei vari peri­o­di annu­ali, par­ti­co­lare cura delle tradizioni locali.

E tra le tradizioni locali, come in tut­to il mon­do, vi sono i fes­teggia­men­ti del­la nativ­ità e del pas­sag­gio tra anno vec­chio e nuo­vo, pre­cisa il Comune.

Commenta il post