Carta straccia la petizione di più di mille cittadini

· Inserito in Teoria e pratica

SAN VINCENZO 3 otto­bre 2018 — Il sin­da­co Alessan­dro Ban­di­ni ha dimostra­to di dis­prez­zare più 1100 cit­ta­di­ni che in pochi giorni han­no fir­ma­to una impor­tante petizione. Petizione che sostene­va la nos­tra mozione per revo­care il prog­et­to di pro­tezione cos­ta che prevede anco­ra mas­si e graniglia di cava in mare e un folle ripasci­men­to con mate­ri­ale di cava. La Giun­ta ha approva­to questo prog­et­to che, dopo l’ampliamento del por­to, sarà il peg­gior dis­as­tro per i san­vin­cen­zi­ni che si ritro­ver­an­no qua­si cer­ta­mente sab­bia diver­sa da quel­la nos­trana, mare intor­bid­i­to e sas­si appun­ti­ti per i prossi­mi anni. Anni in cui spender­e­mo sem­pre più denaro pub­bli­co per rip­ulire i dan­ni del­la Giun­ta Ban­di­ni.
La boc­ciatu­ra del­la mozione è sta­ta moti­va­ta dal fat­to che la Giun­ta ha bisog­no di chiari­men­ti dal­la Regione Toscana, ma alle nos­tre domande su quali fos­sero questi dub­bi vis­to che il ban­do è sta­to vin­to, i lavori asseg­nati e immi­nen­ti a par­tire, l’assessore Anto­nio Rus­so ha bal­bet­ta­to poco e nul­la. “Noi siamo quel­li che agiamo, noi siamo quel­li dei fat­ti!” dice il sin­da­co, cer­to che, quan­do la soluzione pro­pos­ta diven­terà qua­si cer­ta­mente un altro chio­do sul­la tom­ba del tur­is­mo san­vin­cen­zi­no forse è meglio stare fer­mi e pen­sare alla pen­sione antic­i­pa­ta. Ban­di­ni, sem­pre in sedu­ta di con­siglio, si è impeg­na­to a con­vo­care un’assemblea pub­bli­ca sul prog­et­to, ci aus­pichi­amo che ques­ta promes­sa ven­ga ono­ra­ta ma, nel caso non suc­cedesse, ci pren­di­amo l’impegno di far­la noi, l’assemblea pub­bli­ca.
I cit­ta­di­ni han­no dirit­to a conoscere la poca lungimi­ran­za di chi li ammin­is­tra, di chi decide con leg­gerez­za sul nos­tro futuro. Intan­to divul­ghi­amo questo schema con cui spe­ri­amo i cit­ta­di­ni pos­sano far­si un’idea del prog­et­to:

Questo ennes­i­ma pre­poten­za ver­so il ter­ri­to­rio di sin­da­co e Giun­ta, con cui forse si spera di las­cia­re un seg­no nell’anonimato di un manda­to sen­za gran­di par­tite chiuse, rende sem­pre più chiaro che ques­ta è una classe polit­i­ca fini­ta, dan­nosa e sen­za idee per il ter­ri­to­rio.

Grup­po con­sil­iare Assem­blea San­vin­cen­z­i­na
Grup­po Con­sil­iare Siamo San Vin­cen­zo
Meet up stori­co M5S San Vin­cen­zo

Commenta il post