Centro polifunzionale  per bambini e famiglie

· Inserito in Da non perdere

PIOMBINO 13 feb­braio 2019 — Giochi, let­ture, teatro, musi­ca. Una fes­ta per inau­gu­rare il nuo­vo cen­tro polifun­zionale  per bam­bi­ni e famiglie di via Modigliani
Una fes­ta per l’inaugurazione del nuo­vo cen­tro polifun­zionale di via Modigliani, pun­to di rifer­i­men­to per l’accoglienza e il sup­por­to alle famiglie.
Saba­to 16 feb­braio dalle 15 alle 18 la coop­er­a­ti­va Cuore, gestore del­la strut­tura e il Comune di Piom­bi­no orga­niz­zano una inizia­ti­va aper­ta a tut­ti i cit­ta­di­ni, alla pre­sen­za dell’assessore alle politiche sociali e pub­bli­ca istruzione Margheri­ta Di Gior­gi e in col­lab­o­razione con diverse asso­ci­azioni del ter­ri­to­rio. Un pomerig­gio di giochi, lab­o­ra­tori, musi­ca, teatro durante il quale ver­rà reso noto anche il nome del nuo­vo cen­tro polifun­zionale, asseg­na­to dai bam­bi­ni delle scuole ele­men­tari dei due cir­coli didat­ti­ci e del­la scuo­la media “A. Guar­di”. In ques­ta occa­sione ver­rà pre­mi­a­ta, con un tablet, la classe che ha pro­pos­to il nome scel­to.
La nuo­va strut­tura è il frut­to di un prog­et­to dell’amministrazione comu­nale con il quale è sta­to dato in con­ces­sione  alla coop­er­a­ti­va Cuore, tramite gara, l’immobile dell’ex asi­lo Arcobaleno, nel quale, oltre al nido d’infanzia per bam­bi­ni da 0 a 3 anni, inau­gu­ra­to nell’ottobre scor­so, ver­ran­no svolti ulte­ri­ori servizi per le famiglie e la comu­nità piom­bi­nese, ded­i­cati in par­ti­co­lare alla fas­cia di età 0–14 anni. In par­ti­co­lare nel nuo­vo cen­tro sono pre­sen­ti la ludote­ca e lo spazio genitori/bambini, lo sportel­lo d’ascolto per l’infanzia e l’adolescenza riv­olto ai minori, alle famiglie, a edu­ca­tori e inseg­nan­ti, il doposcuo­la educa­ti­vo, il servizio per le neo-famiglie, il cen­tro esti­vo 0–6 anni, la rete inter­is­ti­tuzionale e molte altre inizia­tive costru­ite in rete con il ter­ri­to­rio.
Il prog­et­to com­p­lessi­vo di real­iz­zazione del nido e di un cen­tro polifun­zionale per le famiglie, è sta­to con­cepi­to  per far fronte alla dimin­uzione di bam­bi­ni iscrit­ti agli asili nido, a causa del calo demografi­co e per la situ­azione di dis­a­gio sociale di molte famiglie del ter­ri­to­rio. Per evitare una pos­si­bile chiusura dell’asilo entro pochi anni, l’amministrazione comu­nale ha cer­ca­to di pre­fig­u­rare uno sce­nario nuo­vo che con­sen­tisse la per­ma­nen­za di un servizio di asi­lo nido più flessibile rispet­to a quel­lo comu­nale, con orari più ampi e più elas­ti­ci, asso­ci­a­to anche ad altri servizi, amplian­do, diver­si­f­i­can­do e adeguan­do l’offerta alla doman­da del ter­ri­to­rio.
“Il cen­tro polifun­zionale rap­p­re­sen­ta un’offerta qual­i­ta­ti­va di inte­grazione tra pub­bli­co e pri­va­to, forte­mente volu­ta dal­la pub­bli­ca ammin­is­trazione quale stru­men­to di sosteg­no alle famiglie e ai bisog­ni educa­tivi dei bam­bi­ni del ter­ri­to­rio —  affer­ma l’assessore alla pub­bli­ca istruzione Margheri­ta Di Gior­gi – L’obiettivo è quel­la di con­tin­uare a man­tenere il servizio pub­bli­co garan­ten­done l’alta qual­ità, offren­do allo stes­so tem­po for­mule orga­niz­za­tive anco­ra più effi­caci, effi­ci­en­ti e flessibili e superan­do così la crit­ic­ità dell’elevato cos­to di ges­tione dei nidi d’infanzia gesti­ti diret­ta­mente dal Comune. Da parte nos­tra c’è sem­pre sta­to il mas­si­mo impeg­no ad attuare politiche di sosteg­no alle famiglie e ai bisog­ni educa­tivi e sociali, nel­la con­vinzione che l’azione educa­ti­va, soprat­tut­to riv­ol­ta ai bam­bi­ni più pic­coli, sia lo stru­men­to più vali­do di pre­ven­zione sociale, in un momen­to socio/economico che con­tin­ua ad essere dif­fi­cile nel nos­tro ter­ri­to­rio.
Nonos­tante l’esternalizzazione inoltre – con­tin­ua l’assessore – il Comune man­ter­rà gli ind­i­rizzi, il con­trol­lo di ges­tione e la pro­gram­mazione attra­ver­so la figu­ra del coor­di­na­tore ped­a­gogi­co di zona. Abbi­amo volu­to in questo modo creare un’alternativa offren­do un servizio più var­ie­ga­to e più vici­no alle esi­gen­ze del­la soci­età”.
Il nuo­vo nido rimar­rà aper­to infat­ti tut­to l’anno garan­ten­do un servizio anche esti­vo e le iscrizioni al nido e agli altri servizi sono aperte tut­to l’anno.

Uffi­cio stam­pa Comune di Piom­bi­no

Commenta il post