Nessun voucher formativo individuale a Piombino

· Inserito in I numeri, Lavoro e lavori

PIOMBINO 9 agos­to 2017 — Nonos­tante gli sforzi dell’assessore regionale Cristi­na Grieco che nel cor­so del­la riu­nione del 12 luglio del con­siglio regionale toscano ha assi­cu­ra­to  di esser­si già atti­va­ta facen­do “elim­inare tut­ti i vin­coli” e garan­ten­do nel nuo­vo ban­do “mas­si­ma flessibil­ità” i risul­tati  sono sta­ti assai scar­si e per Piom­bi­no asso­lu­ta­mente nul­li. Si trat­ta dei vouch­er for­ma­tivi indi­vid­u­ali per le aree di crisi

  • Comu­ni di Piom­bi­no, Campiglia Marit­ti­ma, San Vin­cen­zo – Suvere­to (polo siderur­gi­co di Piom­bi­no) e Sas­set­ta;
  • Comu­ni di Livorno, Colle­sal­vetti e Rosig­nano Marit­ti­mo;
  • Comu­ni del­la Provin­cia di Mas­sa-Car­rara;
  • Comu­ni del ter­ri­to­rio dell’Amiata, com­pren­si­vo dei Comu­ni delle Unioni dell’Amiata – Val d’Orcia e dei Comu­ni dell’Amiata Gros­se­tana: Abba­dia San Sal­va­tore, Cas­tiglion D’Orcia, Piancastag­naio, Radi­co­fani, San Quiri­co D’Orcia, Arci­dos­so, Cas­tel del Piano, Castell’Azzara, Cini­giano, Roc­cal­beg­na, San­ta Fio­ra, Seg­giano, Sem­pro­ni­ano.

Alla sca­den­za del 10 mag­gio 2017  sul­la base dell’ avvi­so pub­bli­co del 27 gen­naio 2017 sono per­venute 137 domande di cui 75 giu­di­cate ammis­si­bili. Di queste 37 a Livorno, 37 a Mas­sa e 1 a Car­rara.
Questo nonos­tante che sia sta­ta este­sa la con­ces­sione dei vouch­er anche ai sogget­ti dis­oc­cu­pati, inoc­cu­pati ed inat­tivi ed a col­oro che fuori­escono dai per­cor­si di lavori di pub­bli­ca util­ità (LPU).

Ricor­diamo che il vouch­er è  un con­trib­u­to pub­bli­co final­iz­za­to a pro­muo­vere, tramite il rim­bor­so totale o parziale delle spese di iscrizione al cor­so, l’accesso a per­cor­si di accresci­men­to delle com­pe­ten­ze pro­fes­sion­ali con l’obiettivo di fuo­rius­ci­ta dal­lo sta­to di dis­oc­cu­pazione e di miglio­ra­men­to del­la pro­pria posizione nel mer­ca­to del lavoro.
A questo si aggiunge un servizio di tutor­ag­gio e ricer­ca inten­si­va di occu­pazione, con per­cor­so di accom­pa­g­na­men­to mira­to a sboc­chi occu­pazion­ali, che può essere usufruito pres­so un Cen­tro per l’impiego o pres­so un sogget­to pri­va­to accred­i­ta­to per lo svol­gi­men­to dei servizi per il lavoro sul ter­ri­to­rio del­la Regione Toscana.

Commenta il post