Non rimane che fermare il porto di Piombino

PIOMBINO 20 giu­gno 2017 — Il “cof­fee break”, offer­to da Lavazza, è fini­to …ora, dopo lo scon­tro tra le fazio­ni pro e con­tro, tor­nia­mo alla vicen­da Aferpi. Anche su que­sta non sono man­ca­te cri­ti­che mos­se ad alcu­ni lavo­ra­to­ri che han­no rite­nu­to di mani­fe­sta­re la pro­pria dispe­ra­zio­ne inca­te­nan­do­si ad uno degli emble­mi del­la nostra cit­ta­di­na. Eppure di lot­te que­sto ter­ri­to­rio, nel cor­so degli anni, ne ha fat­te mol­te e gesti ecla­tan­ti, in quel­lo stes­so con­te­sto o sul tet­to del­la allo­ra Lucchini, non sono dei ricor­di così lon­ta­ni; seb­be­ne non ci inte­res­si entra­re nel meri­to sono comun­que tut­te quan­te espres­sio­ne di una gra­ve situa­zio­ne che non pos­sia­mo fin­ge­re di non vede­re. Forse ci sareb­be sta­to meno da pro­te­sta­re ed indi­gnar­si per un com­plean­no su una spiag­gia e pre­oc­cu­par­si di più e pro­te­sta­re vera­men­te per i tem­pi infi­ni­ti di un incon­tro al Ministero per il secon­do polo side­rur­gi­co nazio­na­le.
Si pre­an­nun­cia un incon­tro attor­no al 26–27 quan­do man­che­ran­no dav­ve­ro pochis­si­mi gior­ni alla fine dei due anni di appli­ca­zio­ne del­la leg­ge­Mar­za­no.
In que­sto immo­bi­li­smo un pas­sag­gio con il com­mis­sa­rio straor­di­na­rio per appro­fon­di­re l’argomento pri­ma di arri­va­re agli ulti­mi istan­ti sareb­be a nostro avvi­so neces­sa­rio e noi come Uglm chie­de­re­mo un incon­tro infor­ma­ti­vo pro­prio al com­mis­sa­rio gover­na­ti­vo.
Siamo in atte­sa da trop­pi gior­ni, con noti­zie dispa­ra­te. Senza toglie­re il ruo­lo fon­da­men­ta­le dei segre­ta­ri nazio­na­li la pre­oc­cu­pa­zio­ne di cono­sce­re qua­le saran­no le deci­sio­ni del gover­no e qua­li quel­le di Rebrab cre­sce e rite­nia­mo che ave­re qual­che noti­zia in più ren­de­rà meglio l’idea di quel­lo che ci aspet­te­rà al pros­si­mo incon­tro al mini­ste­ro del­lo svi­lup­po eco­no­mi­co.
Nel frat­tem­po per il 22 è indet­to un tavo­lo mini­ste­ria­le per l’indotto alla pre­sen­za dei nazio­na­li con­fe­de­ra­li e metal­mec­ca­ni­ci. Sicuramente sareb­be sta­to oppor­tu­no che l’incontro fos­se avve­nu­to quan­do anco­ra l’indotto era pre­sen­te in azien­da! Magari inter­ve­nen­do con un accor­do spe­ci­fi­co per il set­to­re. Oggi sia­mo arri­va­ti alla fine degli ammor­tiz­za­to­ri e le poche azien­de rima­ste, ridot­te dra­sti­ca­men­te nei nume­ri, in atte­sa di rin­no­vo degli ammor­tiz­za­to­ri nel­la spe­ran­za di otte­ne­re le stes­se con­di­zio­ne tem­po­ra­li dei col­le­ghi metal­mec­ca­ni­ci. Questa sarà la pri­ma richie­sta, ci auspi­chia­mo con­di­vi­sa dal­le altre orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li, che la nostra sigla farà a quel tavo­lo. Per le lavo­ra­tri­ci del­le azien­de del ter­zia­rio, pro­prio in que­sti gior­ni con­vol­te nel rin­no­vo dell’ammortizzatore, esi­ge­re­mo che sia con­ces­sa iden­ti­ca dura­ta di quel­la del­la com­mit­ten­te.
Ma oltre a que­sto impor­tan­te appun­ta­men­to non dob­bia­mo dimen­ti­ca­re che il nostro ter­ri­to­rio è anco­ra ostag­gio di un pro­get­to e di un impren­di­to­re che dopo due anni è rima­sto al pun­to di par­ten­za. Quindi sareb­be sta­to oppor­tu­no che la con­vo­ca­zio­ne dell’incontro fos­se avve­nu­ta in tem­pi ristret­ti e non così a pochi gior­ni dal­la fine dei due anni di leg­ge Marzano.
Come sigla sin­da­ca­le, suben­tra­ta da pochi mesi, cer­to non abbia­mo nume­ri ed il segui­to degli altri ma rite­nia­mo che, se anco­ra non ci fos­se una data e con­ti­nuas­se que­sto immo­bi­li­smo, da par­te di tut­ti occor­re­ran­no azio­ne mira­te, visi­ve ed inci­si­ve come, ad esem­pio, fer­ma­re il por­to di Piombino. Sono gli ulti­mi istan­ti di una vicen­da che vede coin­vol­to un inte­ro ter­ri­to­rio e non dipen­de dall’essere a favo­re o con­tra­ri alla fab­bri­ca ma sape­re come e se que­sto com­pren­so­rio può tor­na­re ad ave­re lavo­ro e futu­ro .

Segreterie pro­vin­cia­li Ugl ter­zia­rio e metal­mec­ca­ni­ci

Commenta il post